Pubblicato in data: 20/04/2017

Digressioni: una nuova rivista in libreria

Categoria: Curiosità - La città

Da qualche tempo, chi entra nella nostra libreria può trovare, subito a sinistra dell’ingresso, una pila di riviste. Sono volumetti agili, dall’aspetto accattivante e dalle dimensioni snelle e tascabili… ma da dove arrivano? Finalmente venerdì 28 aprile ne parlermo con i curatori e con gli autori per capire qualcosa di più!

Digressioni, questo il nome della neonata rivista, è un periodico il cui primo numero è fresco di stampa. Ideata dal direttore Gino Zangrando, dal curatore Davide De Lucca e dai collaboratori Francesco Zanolla e Michele Saran, la rivista nasce come luogo per dar voce a giovani autori del Nord-est, che lavorano su temi diversi, dal teatro alla poesia, dal cinema all’arte, dalla musica alla filosofia.

Abbiamo da subito appoggiato la distribuzione di questa rivista, una raccolta intelligente di scritti interessanti e poco scontati. Ma lasciamo che a spiegarvi il ‘sugo della storia’ della rivista, siano le parole stesse dei suoi ideatori:

Digressioni vuole essere quindi un punto di incontro tra chi scrive e chi legge, un vero e proprio oggetto tangibile, trasportabile, consultabile in qualunque momento. Abbiamo voluto tornare al medium della carta, con tutte le conseguenze che comporta, ma soprattutto con il rispetto per chi legge. Dare alle stampe qualcosa, infatti, significa anche curarlo e presentarlo al meglio, renderlo leggibile in modo più semplice rispetto ad esempio a un sito internet.

Ci siamo ispirati alle esperienze di riviste simili che, in altre città europee, diventano un punto di riferimento per autori emergenti, dando spazio ad articoli che altrimenti non ne troverebbero. Rappresentano la possibilità di sperimentare.

L’aspetto della qualità dei contenuti è per noi molto importante. Gli articoli sono brevi, hanno un approccio accademico, ma un taglio che li rende facilmente leggibili. Non pretendono di esaurire argomenti completti, che richiederebbero maggiori approfondimenti, cercano però di incuriosire il lettore, gi guidarlo con degli elementi di riflessione, invitandolo a scoprire qualcosa di nuovo.

In questi primi due numeri ci siamo occupati, tra le altre cose, di Schiele e Jordaens per l’arte, di Richard Blanco, Dereck Walcott, Pasolini, J.C. Ballard, Moravia e Milo De Angelis per la letturatura; di Montaigne e Heidegger per la filosofia; dei cronoviaggi e di Newton per la scienza. Abbiamo parlato di musica trattando Mahler, la esp-disk, Miles Davis e Dave Brubeck; di teatro e di cinema (Rossellini, Welles, il cinema adolescenziale). Abbiamo dato spazio a illustrazioni, portfoli di fotografi, racconti, poesie e pensieri scritti da autori pubblicati da piccole case editrici.

Mentre il primo numero non aveva un argomento specifico, dal secondo in avanti abbiamo iniziato a utilizzare un filo conduttore, anche pretestuoso, per legare le nostre Digressioni. Tema del secondo numero è stato il viaggio. Stiamo lavorando al terzo numero che tratterà del corpo.”

Vi aspettiamo venerdì 28 aprile alle ore 19.00 per scoprire meglio i contenuti di Digressioni con Annarosa Tonin, che modererà l’incontro, Gino Zangrando, Davide De Lucca, Francesco Zanolla e Michele Saran.

Iscriviti alla newsletter




(*) Dichiaro di aver letto la privacy policy nonché di aver compiuto sedici anni - e se minore di sedici di essere stato autorizzato dal titolare della responsabilità genitoriale - pertanto presto il mio consenso al trattamento dei dati per ricevere le Newsletter.

Corte Delle Rose, 86 - Conegliano (TV)

0438 184 0514

P.iva 04804120261

Informativa cookie